<img height="1" width="1" style="display:none;" alt="" src="https://dc.ads.linkedin.com/collect/?pid=245801&amp;fmt=gif">
  • Blog
  • AS/400: quando lo mandiamo tra le nubi?

AS/400: quando lo mandiamo tra le nubi?

Gli utenti dei sistemi AS/400 sono molto legati alle loro macchine: sono state al cuore del business aziendale per anni, o anche decenni, e svolgono adeguatamente il loro compito. Inoltre, come abbiamo già spiegato in altre occasioni, sistemi anche molto tradizionali possono essere arricchiti facilmente con funzioni e soprattutto interfacce di nuova concezione. Ciononostante, quando si vuole rinnovare tecnologicamente la piattaforma aziendale, è del tutto comprensibile chiedersi se anche per il mondo AS/400 non valga la pena considerare la strada del cloud. Dopotutto molte delle considerazioni, che hanno portato le aziende con sistemi x86 verso questa via, valgono anche per le imprese che hanno sistemi AS/400 o IBM Power System. E alcune, addirittura, valgono a maggior ragione.

Uno dei motivi chiave per il passaggio al cloud è ottenere un risparmio complessivo nei costi dell’infrastruttura IT. Nel caso dei sistemi AS/400 e dei Power System tale aspetto è particolarmente importante perché i server IBM di questa classe sono particolarmente solidi e performanti. Ovviamente è un bene, ma significa anche che alcune aziende non sfrutterebbero pienamente le prestazioni di un nuovo sistema - magari non lo stanno facendo nemmeno per quello che già possiedono - e potrebbero effettivamente registrare un risparmio significativo passando a un cloud basato su server Power. Il risparmio è evidente se paragoniamo il cloud all’acquisto di una nuova macchina, ma esiste anche se valutiamo il costo complessivo di gestione nel lungo periodo.

Altro elemento importante: la migrazione al cloud consente di “delegare” al provider gli investimenti in servizi accessori ed evoluzione tecnologica che un’azienda probabilmente non farebbe o non potrebbe sostenere allo stesso livello. La dotazione tecnologica del Datacenter di un cloud provider è mediamente superiore all’infrastruttura IT di un’azienda, il che si riflette positivamente sul livello qualitativo di elementi come l’availability, la sicurezza, il Disaster Recovery, gli aggiornamenti software periodici e i refresh hardware.

Non da ultimo, il cloud permette alle imprese di aggirare un problema che prima o poi si troveranno ad affrontare: la progressiva mancanza di skill in ambito AS/400. I talenti interni possono uscire man mano dall’azienda e può non essere conveniente svilupparne di nuovi o troppo costoso reperirli stabilmente sul mercato. Il cloud provider lo fa per noi, dovendo necessariamente mantenere un alto livello di skill.

Il passaggio al cloud può essere un vantaggio anche per quanto riguarda la gestione ricorrente dei costi e non solo l’investimento iniziale in assoluto. Innanzitutto, come è ben noto, il cloud permette di passare dai costi in conto capitale (l’acquisto di una nuova macchina, in primis) ai costi operativi. Non solo questi sono “spalmati” nel tempo e quindi più gestibili, di norma sono anche considerati meno negativamente da chi li deve approvare e questo è un vantaggio per tutto lo sviluppo dell’IT. La gestione di questi costi operativi è poi molto più flessibile degli investimenti una tantum in hardware e software. A patto di negoziare bene gli accordi e i contratti con il cloud provider scelto, di norma il cloud riesce ad adattarsi molto meglio dell’acquisto classico al mutare delle esigenze d’impresa.

Certo la scelta del cloud provider in questo scenario è basilare. Molto più che nel mondo x86, dove molte imprese migrano verso la “nuvola” elementi poco critici del loro business e vanno comunque alla ricerca di servizi facilmente sostituibili per raggiungere il massimo livello di convenienza economica. Un ambito particolare come quello AS/400 richiede un livello di servizio superiore e per questo Sirio Informatica ha creato una business unit dedicata che offre, nell’ambito di una vasta proposizione di servizi a valore aggiunto, la possibilità di trasferire su un'infrastruttura cloud gestita i carichi di lavoro AS/400 delle aziende clienti. In questo modo diventa possibile sposare i vantaggi generici del cloud con le competenze e i servizi di supporto di una realtà che ha ampia esperienza nel mondo AS/400. Da questo punto di vista Sirio Informatica non è semplicemente un provider di servizi a consumo ma agisce come partner tecnologico e consulenziale, perché il passaggio al cloud coinvolge le applicazioni che i servizi che sono al centro dell’operatività dell’azienda utente.

New Call-to-action