<img height="1" width="1" style="display:none;" alt="" src="https://dc.ads.linkedin.com/collect/?pid=245801&amp;fmt=gif">
  • Blog
  • ERP per la digital transformation: perché Power-B è la scelta vincente

ERP per la digital transformation: perché Power-B è la scelta vincente

Poter contare su un ERP per la digital transformation significa dover per forza sostituire il sistema in uso in azienda per implementare un nuovo gestionale? Anche se la risposta potrebbe sembrare affermativa, il percorso effettuato da Cromology Italia e da Sirio dimostra l’esatto contrario.

E svela, soprattutto, come sia possibile valorizzare il patrimonio informatico aziendale e favorire la crescita attraverso una costante ottimizzazione dei processi. 

Un percorso iniziato una ventina di anni fa, che ha portato la software house milanese parte di Var Group a implementare e scalare il proprio ERP SAM presso Cromology, uno dei principali player europei nella produzione e vendita di pitture per edilizia, che utilizza la piattaforma IBM i (nota anche come AS400). Non certo un dettaglio, perché dimostra come il rapporto tra Sirio e Cromology non è semplicemente quello tra fornitore e cliente, bensì una vera e propria partnership consolidata nel tempo. 

Si dice spesso che un ERP deve potersi evolvere e crescere insieme all’azienda. Ma nel caso che analizzeremo nelle prossime righe è successo qualcosa in più: Sirio ha ridisegnato il Warehouse Management System del proprio gestionale SAM realizzando una soluzione personalizzata sulle esigenze di Cromology Italia che, rispetto ai tempi della prima implementazione del gestionale, aveva profondamente mutato le proprie esigenze, soprattutto dal punto di vista logistico. 

 

ERP per la digital transformation: il caso di Cromology 

Come anticipato, Cromology Italia aveva già implementato la soluzione gestionale proprietaria di Sirio, riuscendo a migliorare l’organizzazione delle varie attività, dalla gestione dei magazzini alla contabilità. Poi, quando l’azienda ha scelto di puntare su un nuovo, grande hub logistico in provincia di Pisa, sostituendo l’attività dei magazzini periferici, il flusso di lavoro è cambiato radicalmente e, con questo, anche la sfida in ambito IT. 

Una rivoluzione dal punto di vista logistico che non investe solo l’attività di magazzino e inventory management ma, ovviamente, riguarda tutti i flussi che fanno parte della filiera produttiva, dall’acquisto delle materie prime alla spedizione di prodotti finiti verso i clienti.  

L'obiettivo è diventato quello di riuscire a gestire una maggiore velocità nell’evasione degli ordini. E farlo senza sostituire l’ERP in uso ma scegliendo di modernizzare il sistema gestionale operativo in azienda da più di 20 anni che opera su piattaforma IBM i. 

 

Il ruolo di Webgate400 e Power-B nella modernizzazione 

L’implementazione di Webgate400, tool di modernizzazione firmato Sirio, ha permesso di rivoluzionare gli applicativi RPG rendendoli Internet-native e arricchirli di diverse nuove funzionalità. Tutto senza creare duplicati di dati o ridondanze. Rispetto ai programmi convenzionali di conversione grafica, Webgate400 ha abilitato una reale modernizzazione andando a creare un unico ambiente internet nativo sul quale avere sempre a disposizione tutti gli applicativi RPG sempre accessibili da tutti i browser più utilizzati, come Mozilla, Chrome, Safari, Edge. 

Il modulo Power-B di Webgate400 ha reso i programmi modernizzati accessibili via web, utilizzabili anche in mobilità su qualsiasi device e da tutti i sistemi operativi più utilizzati. Questo significa che ogni operatore, anche se in smart working o fuori ufficio può accedere dal proprio smartphone, tablet o notebook ai moduli del gestionale. 

 

Non solo digitalizzazione degli ordini 

Quello di Sirio per Cromology è stato un approccio all’insegna di produttività e semplicità d’uso che ha caratterizzato il lavoro su diverse funzionalità applicative, con l’obiettivo di ottimizzare i processi a qualsiasi livello.  

In particolare è stato scelto di digitalizzare il tracciamento degli ordini e del loro ciclo di vita, superando il modello cartaceo tradizionale per puntare ad una dematerializzazione che ha permesso al cliente di ottenere un risparmio considerevole in termini di tempo e anche di risorse. 

Ma la digitalizzazione non si è fermata qui. Il lavoro ha permesso anche la comunicazione tra l’applicativo di sales automation e il database del gestionale, permettendo agli agenti di Cromology, dai propri device mobile, di reperire, in tempo reale, le informazioni più utili alle vendite. Anche in questo caso, evidentemente, il ruolo di un modulo come Power-B si è rivelato fondamentale per garantire ai sales l’accesso a questa nuova funzionalità. 

E non è tutto. È stato anche possibile connettere il gestionale SAM con i tintometri, le apparecchiature che miscelano le vernici per ottenere un colore prestabilito del campionario, permettendo a Cromology di conoscere in tempo reale la disponibilità delle pitture e persino abilitare azioni di upselling, suggerendo ai clienti i colori da abbinare a quello prescelto in base a quelli presenti nel database aziendale. 

Insomma, il gestionale giusto per un’azienda è quello che riesce ad evolvere nel tempo e interfacciarsi con altri dispositivi o applicazioni di terze parti. E il caso concreto di Cromology e SAM  dimostra come l’ERP per la digital transformation non sia necessariamente l’ultimo modello sul mercato ma certo quello con alti standard di qualità. 

CLICCA QUI per scaricare il Case Study: "Cromology"