<img height="1" width="1" style="display:none;" alt="" src="https://dc.ads.linkedin.com/collect/?pid=245801&amp;fmt=gif">
  • Blog
  • Marketplace abbigliamento, la top 6 in Italia per vendere online

Marketplace abbigliamento, la top 6 in Italia per vendere online

Un marketplace abbigliamento è una piattaforma multi-vendor in cui si incontrano coloro che intendono vendere i loro prodotti o servizi e gli utenti alla ricerca di quegli stessi prodotti. Da un lato i venditori hanno un luogo dedicato in cui godere di grande visibilità, dall’altro l’owner della piattaforma ricava una commissione da ogni vendita. Si tratta di un mercato virtuale con logiche più complesse rispetto a quelle di un singolo negozio online che vende esclusivamente i propri prodotti.  

Oltre ai celeberrimi mercati virtuali rappresentati dalle “piattaforme integrate” di Farfetch, Shopify e Zalando – tre veri colossi della vendita di abbigliamento online – abbiamo individuato 6 marketplace abbigliamento che nel nostro Paese stanno crescendo moltissimo, sia per i loro risultati economici sia per la loro immagine e reputazione digitali. Eccoli. 

 

1. IntraMirror

“L’app più popolare tra gli influencer cinesi”: così si definisce IntraMirror, il marketplace cinese che aiuta i Key Opinion Leaders (KOLs) dei mercati asiatici a monetizzare i loro followers. IntraMirror assicura l’accesso in tempo reale al catalogo completo di oltre 200 negozi multimarca in tutto il mondo. Con 5000 influencer che rivendono e distribuiscono in modo capillare gli articoli di tendenza attraverso i loro canali social, IntraMirror riesce a raggiungere oltre 20 milioni di consumatori finali. Nonostante i numeri altissimi, è un marketplace abbigliamento piuttosto esclusivo: l’app è infatti accessibile solo su invito. 

 

2. Cettire 

Cettire è la piattaforma di riferimento se ci si vuole approcciare al fiorente mercato australiano. Vende online articoli fashion e luxury: abbigliamento, scarpe e accessori di oltre 1300 marchi internazionali di alta moda. È una società con delle solide prospettive di crescita: nel 2020 ha registrato un fatturato lordo di 124 milioni di dollari. 

 

3. IrumKorea

Si tratta di una società sudcoreana che sta velocemente espandendo le sue aree di azione: dai negozi offline ai centri commerciali fino ai marketplace online. IrumKorea può contare su una piattaforma proprietaria, Louplat, in cui i privati, i piccoli venditori e i grandi distributori commerciano liberamente. Dispone di un sistema che consente di acquistare ottimi prodotti in modo più conveniente e sicuro e fornisce una varietà di programmi per migliorare la competitività dei retailer e soddisfare i consumatori finali. 

 

4. ITALIST

ITALIST non è solo il più grande marketplace delle boutique di lusso made in Italy, ma offre anche un notevole vantaggiodal punto di vista dei prezzi praticati al consumatore finale (fino al 40% in meno rispetto ad altri store). Include il meglio della moda del Bel Paese: 200.000 articoli, 1.000 marchi recapitati dalle boutique partner italiane direttamente al consumatore con spedizione internazionale espressa, a prezzi medi decisamente inferiori rispetto a quelli di mercato.  

 

5. Sinosky

Fondata nel 1998 a Hangzhou (Cina), Sinosky è una società specializzata nella gestione della filiera dell’abbigliamento e degli accessori moda. Scegliere Sinosky significa avere accesso a una amplissima base di clienti, poter contare su una fitta e prestigiosa rete di relazioni e su una infrastruttura collaudata. I suoi punti di forza principali sono il design dei canali digitali, la catena di approvvigionamento e le partnership con brand importanti come ASOS, Arcadia, Inditex, Intersports, Costco, Walmart, C&A e Lidl.  

 

6. Jentestore 

Con 200 partner locali e internazionali, Jentestore è un marketplace abbigliamento coreano che si fonda su due elementi di fondo: la collaborazione e la fiducia. Grazie al suo gestionale integrato, è in grado di inviare in tempo reale le informazioni su inventario e prodotti agli store locali e ha ridotto di oltre l’80% i costi di gestione delle scorte e della distribuzione affidata agli intermediari. Dulcis in fundo, propone una vasta gamma di marchi di lusso, da Balenciaga e Dior, a Tom Ford fino a Saint Laurent. 

  

Marketplace abbigliamento, perché serve una soluzione integrata 

Come possiamo intuire da questi cinque esempi di successo, i marketplace costituiscono oggi dei veri e propri centri commerciali virtuali che giocano un ruolo fondamentale nel settore dell’e-commerce e rappresentano un canale di vendita indispensabile per chi opera nel settore dell’abbigliamento.  

Le nuove tecnologie forniscono in questo senso una risposta concreta a una esigenza che sta diventando sempre più pressante all’interno del mondo retail: ottimizzare la vendita online 

Per sfruttare tutte le opportunità offerte dai marketplace abbigliamento e massimizzare così i loro profitti, gli imprenditori in ambito retail e commercio avranno sempre più l’esigenza di utilizzare una soluzione completa, che comprenda: 

  • strumenti per la pubblicazione dei prodotti, delle disponibilità e dei listini; 
  • moduli specifici per l’inserimento e/o il recupero degli ordini; 
  • programmi per automatizzare e digitalizzare l’intero processo. 

L’integrazione con i principali marketplace abbigliamento, se gestita in un’ottica pienamente omnicanale, consente di raggiungere i clienti ovunque si trovino, al posto giusto e al momento giusto. 

CLICCA QUI per scaricare l'infografica:"Beestore per il marketplace e l'E-commerce"