<img height="1" width="1" style="display:none;" alt="" src="https://dc.ads.linkedin.com/collect/?pid=245801&amp;fmt=gif">
  • Blog
  • ERP standard o personalizzabile: quali differenze?

ERP standard o personalizzabile: quali differenze?

La questione su quale soluzione orientarsi tra un ERP standard o uno personalizzabile è vecchia quanto l'ERP stesso. I CEO delle aziende, dalle PMI fino alle grandi imprese, sono subissati da offerte diverse e non sempre è facile decidere quale strada intraprendere. Per aiutarli in questo percorso vale la pena di provare a partire dall'inizio.

Ma vi anticipiamo una cosa: quella antica questione, standard o personalizzabile, può essere superata considerando i nuovi modelli d'offerta. Soprattutto nel caso delle PMI.

 

ERP per allineare tutti i processi

Quindi partiamo dall'inizio. La situazione tipica è questa: dopo la fase che possiamo definire di “startup”, il CEO o comunque il management dell'azienda capisce che deve dotarsi di uno strumento che permetta di attivare processi di pianificazione e controllo delle proprie attività. Si tratta di un passaggio importante, perché a questo livello non si parla più di implementare soluzioni per gestire funzioni (cosa che in genere fa una soluzione di Software Gestionale), ma piuttosto di mettere un “cappello” enorme, un ERP - Enterprise Resource Planning, Pianificazione delle Risorse d’Impresa - su tutti i processi dell'azienda in modo che siano allineati, coordinati, controllati e sinergici.

 

ERP, il sistema nervoso tentacolare dell'azienda

In poche parole, un ERP serve a supportare la pianificazione e il controllo delle risorse delle attività aziendali: è un software che lavora su un database che contiene tutte le informazioni provenienti dalle diverse funzioni dell'impresa.
Volendo fare una similitudine un ERP è come il sistema nervoso di un corpo umano che in base agli stimoli provenienti dalle singole attività corporee invia informazioni al cervello il quale elabora specifiche strategie. O se preferite, un ERP è come un polpo: un grande “testone” di sofisticatissima intelligenza, alimentato dai tentacoli che portano risorse vitali, nel nostro caso informazioni.
Ma ancor meglio di un polpo, un ERP può decidere quanti e quali tentacoli avere: sono i “moduli” che intervengono sulle singole funzioni aziendali e che quindi possono essere aggiunti in fasi successive, al progredire o aumentare delle attività e delle funzioni.

 

ERP standard o personalizzabile?

Ed è proprio il concetto di “modularità” di un ERP, che ci spinge ad affermare che la questione “Standard o Personalizzabile?” è ormai superabile. Prendiamo a esempio una PMI la quale, non avendo le risorse economiche di una grande impresa, deve concentrarsi sul core business, ma al contempo vuole (deve, in un'ottica di vantaggio competitivo) attivare un ERP.

Una PMI non potrà mai avere risorse economiche per portarsi in casa consulenti che per mesi studiano i processi, scrivono codici di programmazione ad hoc, collaudano nel tempo i singoli moduli personalizzati e alla fine trasferiscono le coordinate operative al personale dell'azienda.

 

La personalizzazione su una soluzione standard

La personalizzazione, soprattutto nel caso delle PMI, diventa più che altro una “verticalizzazione” dei moduli da aggiungere al cervellone, nuovi tentacoli che portano nuove informazioni sui processi attivati. Questo significa che è sulla coerente “verticalizzazione” delle funzionalità su cui è necessario concentrarsi. In sostanza dato un nucleo di elaborazione solido in grado di macinare le informazioni, il CEO in collaborazione con il CIO può nel tempo aggiungere moduli che si integrino nei flussi operativi e organizzativi dell'azienda.

PMI, la scelta è obbligata: la scalabilità

In tutto questo decadono un po' anche le peculiarità in genere avanzate da chi propone le soluzioni: con lo “standard” hai velocità ed economicità, con la “personalizzazione” hai molta più efficienza. Preso atto che una PMI deve ottimizzare la spesa, la soluzione di “sposare” un fornitore che offre tantissimi “moduli” verticali (sia in termini di settori produttivi, sia in termini di funzionalità - amministrazione, produzione, logistica, magazzini, ciclo attivo/passivo, supply chain, ecc) è la scelta più appropriata.

New Call-to-action