<img height="1" width="1" style="display:none;" alt="" src="https://dc.ads.linkedin.com/collect/?pid=245801&amp;fmt=gif">
  • Blog
  • Ottimizzare la Gestione Commesse nell’industria della carta

Ottimizzare la Gestione Commesse nell’industria della carta

La Gestione Commesse rappresenta una funzione strategica per tutta la filiera dell’industria cartaria. Per questo le aziende della carta e del tissue, quelle del cartone ondulato, le imprese di produzione imballaggi hanno l’esigenza di ottimizzare al massimo tale gestione. Soprattutto in uno scenario come quello odierno, dominato da una concorrenza globale, l’incremento di efficienza produttiva, combinata con il controllo rigoroso dei costi e degli sprechi, può determinare una maggiore competitività su mercati sempre più complessi. Nel caso della Gestione Commesse, il suo miglioramento dipende dall’adozione di sistemi informativi che mettano in condizione le aziende di seguire un ordine dal suo arrivo fino all’evasione. E poiché le due variabili principali con cui si può valutare, negativamente o positivamente, una Gestione Commesse sono il rispetto dei tempi di consegna e la qualità del prodotto finito, un’architettura IT per il settore della carta deve facilitare il conseguimento di entrambi gli obiettivi. Ecco in che modo.


I sistemi di schedulazione che servono alla Gestione Commesse

La prima fase su cui una Gestione Commesse ideale può fare la differenza è quella della pianificazione del ciclo di produzione. Al tal fine oggi esistono soluzioni per schedulare in maniera integrata tutte le risorse produttive coinvolte nella lavorazione. Nell’ambito della produzione per carta e tissue, questo significa ridurre i cambi carta e i tempi di setup delle macchine, con la possibilità di far fronte alle urgenze e alle emergenze che talvolta rischiano di mettere in crisi la gestione ordinaria delle commesse. Con riguardo, invece, al cartone ondulato, la schedulazione si avvale in particolare del metodo WIP (Work in Process) che consente di mappare costantemente le rullovie per identificare il livello di riempimento delle linee di produzione. Negli imballaggi, infine, gli scheduler sono in grado di prevedere il piano di lavoro per singolo impianto in base a parametri configurabili dall’operatore. In tutte e tre le tipologie, i modelli più evoluti di schedulatori utilizzano algoritmi matematici che calcolano come ridurre scarti, diminuire costi e contenere fermi macchina.


L’integrazione in un’architettura fatta apposta per il settore carta

Una pianificazione accurata, affinché abbia effetto su una Gestione Commesse ottimale, deve integrarsi sia con i dati provenienti da ciascuna macchina, sia con quelli presenti nel software gestionale in cui i medesimi dati hanno carattere previsionale. In altri termini, dopo l’arrivo di un ordine, che presumibilmente viene inserito in un ERP, gli step successivi (preparazione, approntamento delle schede di lavoro, organizzazione delle fasi operative, esecuzione, ecc.) devono essere continuamente monitorati. Perciò, non solo il gestionale deve verificare la fattibilità della gestione di una commessa alla luce del carico complessivo rilevato in tempo reale nello stabilimento, ma tale fattibilità deve trovare conferma nel sistema MES che registra le informazioni a bordo macchina. In sostanza, è necessaria un’architettura fatta di moduli e piattaforme che dialoghino tra di loro, come ormai ha dimostrato il paradigma di Industry 4.0. Nell’elenco delle tecnologie abilitanti che vi si riferiscono, non a caso rientra anche l’integrazione dei dati lungo la catena del valore.


Come rispettare i tempi di consegna nella Gestione Commesse

Un terzo tassello di cui è bene tener conto ai fini di una Gestione Commesse davvero efficiente riguarda il magazzino e la logistica. Abbiamo accennato prima al ruolo che riveste nel cartone ondulato il metodo WIP per una pianificazione basata sulla movimentazione interna del semilavorato. Ma le funzionalità di un sistema logistico o WMS vanno oltre. Sfruttando radiofrequenza, codici a barre, computer di bordo installati sui carrelli elevatori, i WMS danno una visibilità piena e dinamica a tutti gli spostamenti che interessano la merce. Analogamente a quanto avviene tra scheduler, ERP e MES, i WMS si interfacciano con gli altri componenti dell’infrastruttura informativa in modo tale che la tracciabilità di materiali e prodotti sia agganciata al controllo dello stadio di lavorazione e alla verifica della progressione di un determinato ordine. Solo così il rispetto dei tempi di consegna potrà poggiare su solide basi organizzative e funzionali, tanto da conferire alla Gestione Commesse nel settore della carta quella leva essenziale per competere.


Sirio Guida alla transizione verso l'impresa 4.0